venerdì 17 settembre 2010

La risposta è NO!

Qualche esempio di ciò che NON SI DEVE FARE:

- Una mia paziente a 29 settimane viene a studio e mi racconta che qualche giorno prima, mentre accompagnava una sua amica a fare un controllo ecografico ha iniziato ad accusare dolori al basso ventre, inizialmente sporadici, poi più frequenti e di maggiore intensità.
L'ecografista le ha detto che era il caso di fare un'ecografia per controllare il benessere del bambino e che la cosa andava fatta in quel momento.
LA RISPOSTA E' NO!
Se avete contrazioni, l'ecografia non ha alcun significato, a meno che non si faccia un controllo transvaginale per la valutazione della lunghezza della cervice.
La mia paziente è stata invece sottoposta ad una normalissima ecografia ostetrica, tutta contenta ha visto suo figlio, ha saputo la lunghezza del suo femore ed il peso stimato...ma sapere se è di coscia lunga cosa diamine ha a che fare con i dolori che riferiva?
Io ovviamente mi sono un pò arrabbiata con lei, le ho detto che doveva chiamare me e che la avrei indirizzata in ospedale per una valutazione clinica da parte di un ginecologo.
In quel caso il dolore la sera è passato e per fortuna lei continua a "covare" tranquillamente, ma l'ecografia fatta è stata solo una spesa, senza alcuna utilità clinica.

- Un'altra paziente ieri mi ha raccontato che una sua amica verrà sottoposta a taglio cesareo in quanto il tampone vaginale è positivo per lo Streptococco B emolitico gruppo B.
In caso di positività del tampone a tale tipo di batterio al momento del travaglio quello che bisogna fare è semplicemente une terapia antibiotica con un farmaco e un protocollo di somministrazione definito, ma assolutamente non c'è indicazione al taglio cesareo.
Quindi anche in questo caso:
LA RISPOSTA E' NO!

- Sempre la stessa paziente, nel corso della precedente gravidanza è stata sottoposta a taglio cesareo. Le ho chiesto il motivo del cesareo è mi ha detto che lei era stata ricoverata di notte con il sacco rotto, il suo ginecologo era il medico di guardia al momento del ricovero e a detta della paziente il cesareo è stato fatto perchè lui la mattina doveva andare via.
Ecco un altro bell'esempio di un argomento che ho già affrontato in un post precedente.
Richiedere la presenza del proprio ginecologo al momento del parto aumenta solo enormemente la possibilità di esser sottoposti a taglio cesareo o a stimolazioni inopportune.
E quindi?
E quindi LA RISPOSTA E' NO!


Io non commento ulteriormente, fate voi le vostre considerazioni.

9 commenti:

  1. Ciao, bello questo blog :-)

    solo un piccolo appunto: queste donne hanno seguito l'indicazione di tecnici/medici (l'ecografista, il gine dell'amica, il gine della prima gravidanza).
    E' un po' frustrante leggere che tu (ma parlo in generale) ti sia un po' arrabbiata con la paziente, che ha comunque fatto solo quello che le è stato consigliato. Se sto male e un medico presente mi consiglia un'ecografia io la faccio, proprio per il discorso che non devo essere io a dire al medico come fare il suo lavoro.
    Io a suo tempo sono stata "sgridata" (non in modo benevolo, mi han proprio dato dell'incapace) dalle ostetriche perché avevo fatto un cesareo, cesareo deciso dal gine dell'ospedale (non dal mio nè da me), a 42 settimane e dopo due induzioni fallite, contrazioni zero e inizio di gestosi.
    Mi son sentita dire che dovevo sforzarmi un po', invece di volere la pappa pronta.
    Insomma, se noi panzone ci documentiamo non va bene perché ci imbottiamo la testa di sciocchezze e dobbiamo dare ascolto al medico, se diamo ascolto al medico non va bene perché avremmo dovuto documentarci meglio.
    Io adesso sto cercando una seconda gravidanza, ma ho vissuto il primo parto talmente male, con un tale senso di fallimento, che ne ho già paura adesso.

    Scusa, voleva essere un commento ed è diventato uno sfogo... ancora complimenti per il blog, è bello e interessante leggere il tuo punto di vista!

    RispondiElimina
  2. Marina grazie del commento, capisco che tu non mi conosci e quindi pensi che io abbia aggredito la mia paziente...Tranquilla, io le amo così tanto che dico loro di chiamarmi per qualunque cosa, anche solo per fare due chiacchiere se in quel momento hanno bisogno!
    La mia pz in questione aveva paura di disturbare, ma mille volte le ho ripetuto che quando uno fa il ginecologo è pronto, per principio, a ricevere maree di telefonate, che almeno personalmente non ritengo mai insensate.
    La ho sgridata ridendo, coccolandola, rassicurandola, non temere!
    Il tuo discorso lo capisco benissimo, infatti voi non sapete più a chi dare retta! questo è un problema che io francamente non so risolvere.
    Cercate di scegliere medici in base alla disponibilità, in base alle sue idee circa la naturalità del parto e tenetevi lontane da persone che vi propongono un cesareo o una stimolazione solo per esser lui presente.
    Non temere per la tua seconda gravidanza, di certo il bagaglio della prima ti sarà utile ad affrontare con maggiore criticità e consapevolezza questa nuova avventura.
    Beh, comunque il tuo cesareo tanto insensato non lo vedo... se hanno provato due stimolazioni, se queste sono fallite e c'era un principio di gestosi... beh... non sentirti in colpa e non colpevolizzare il ginecologo.
    Non siamo tutti lupi cattivi e anche se non è facile scegliere quello giusto, quanto meno affidatevi a persone che vi infondano benessere e tranquillità, che in qualche modo siano a voi compatibili.
    Forza Marina!

    RispondiElimina
  3. Uao, mi hai risposto subito :-D

    no figurati, io non colpevolizzo il ginecologo, ho colpevolizzato per molto tempo me stessa, alla fine ho capito che la cretina era l'ostetrica che mi sgridava (niente contro la categoria, hanno la loro percentuale di cretine anche loro come qualunque professione).
    Spero tanto che questa seconda gravidanza arrivi presto, il ginecologo -* di cui mi fido - è lo stesso dell'altra volta e mi ha detto che il taglio è ben rimarginato, si può anche pensare a un VBAC.
    Speriamo bene :-D

    PS certo sono fortunate le tue pazienti ;-)

    RispondiElimina
  4. Si, oggi sono a casa, tra un pò andrò a fare la notte (venerdì 17... oddio!).
    Beh, vedi che bravo il tuo ginecologo!
    Dove è quindi il dramma?
    Si, anche le ostetriche a volte esagerano, le talebane della naturalità nemmeno vanno bene.
    L'ultima notte ho provato in tutti i modi ad evitare un cesareo ad una paziente, purtroppo alla fine, a travaglio avanzato, non ho potuto evitare il cesareo e in questa scelta sono stata CONFORTATA DA UN'OSTETRICA CHE I CESAREI PROPRIO NON LI AMA!
    Inizialmente mi sono quasi sentita in colpa, magari potevo farlo prima, evitando il travaglio? Ma ci ho pensato bene ed rho concluso che almeno ci ho provato, e che purtoppo al momento della decisione la situazione si era fatta troppo rischiosa. Quel bambino forse un paio di ore dopo sarebbe nato, ma il liquido si era tinto nel corso del travaglio, era un primo figlio (quindi i tempi sono più lunghi e poco prevedibili) ed il battito cominciava a decellerare.
    Ho parlato a lungo con la signora, che pensa che all'inizio mi aveva chiesto un cesareo, che io avevo rifiutato motivando le ragioni del rifiuto e cioè che è un intervento rischioso e i rischi si possono correre solo se ci sono reali indicazioni. Lei ha capito benissimo il mio discorso e nemmeno alla fine si è risentita con noi.
    Credo che basti una buona comunicazione, delle argomentazioni corrette per arrivare a non sentirci "nemici".
    Le mie pazienti sono fortunate? Boh, forse si, ma nemmeno il tuo ginecologo mi sembra tanto male!

    RispondiElimina
  5. Non ci credoooooo!!!!Non sono ancora una professionista ma veramente rimango sconvolta da certi comportamenti!!!!Un TC per SBEB positivo.....e poi ci stupiamo se sui tg non si parla altro che di negligenza negli ospedali...per carità non senza montature per fare notizia..
    Dottoressa lei come sempre è fantastica...la paladina della naturalità...
    P.S. interessantissimo il blog ;)

    RispondiElimina
  6. Giadina sei tu???? la mia allievina???? bella! non ti vedo da una vita! giusto sul blog ti dovevo ribeccare! grazie Giada, spero, un minimo, di aver contribuito alla vostra formazione, almeno per ciò che concerne l' amore, la passione, l'onestà intelletuale ed il rispetto per le donne.
    Comunque sarete grandi ostetriche voi tre! un bacione e passa in ospedale!

    RispondiElimina
  7. SIIIIIIIIIIIIIII SONO IOOOOOOOOO!!!! LEI E' STATA UNO DEI PILASTRI DELLE NOSTRA FORMAZIONE....CI HA SPINTO A FARE COSE DI CUI AVEVAMO PAURA, CI HA INCORAGGIATO, RENDENDOCI MENO ANSIOSE IN QUELLE SITUAZIONI CHE CI SEMBRAVANO E CHE CI SEMBRANO PIU' GRANDI DI NOI....BEH GRAZIEEEEEEEEEEEEE!!!!
    SPERO SOLO CHE UN GIORNO POTRO' ESSERE FIERA DEI MIEI COMPORTAMENTI E DELLE DECISIONI CHE PRENDERO' PER LE DONNE...QUESTO E' IL MIO PIU' GRANDE SOGNO....
    UN BACIO GRANDE GRANDE...APPENA MI LIBERO UN ATTIMO DA QUESTA MALEDETTA TESI MI CATAPULTO A MARINO....<3 UN MEGA BACIONEEEEEEEE

    RispondiElimina
  8. Pilastro della vostra formazione????
    vi ho spinto a fare cose di cui avevate paura????
    oddio oddio Giadina, cure mio, ma tu sei sicura di aver bene capito con chi stai parlando?
    Beh, se hai capito e se davvero pensi queste cose io mi inchino!
    ps. ma che cosa io vi ho fatto fare di tanto speciale?????
    ps. ovviamente comunicate per tempo il giorno della tesi che voglio esserci!

    RispondiElimina